Giornata di Studi ad Agrigento

 

In occasione della giornata di studi  “La conservazione della memoria. Tra visibile e invisibile” che si terrà presso la Chiesa di San Pietro giorno 8 novembre 2019 ad Agrigento,  siamo stati invitati a presentare due contributi in programma per l’evento organizzato dall’Arcidiocesi di Agrigento in collaborazione tra gli altri con la Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Agrigento, l’Opificio delle Pietre dure di Firenze e l’Università di Palermo. La partecipazione è gratuita. Trovate qui il programma completo e il link per la prenotazione http://www.museodiocesanoag.it

Presentati i risultati delle indagini diagnostiche pre-restauro della Sala dei Venti di Palazzo Reale a Palermo

In occasione del Convegno IGIIC “Lo Stato dell’Arte 17” – tenutosi a Matera dal 10 al 12 ottobre – abbiamo presentato i risultati della campagna diagnostica pre-restauro della Sala dei Venti di Palazzo Reale a Palermo. Lo studio dei materiali originali e di restauro, l’identificazione delle tecniche esecutive e la valutazione dello stato di conservazione delle superfici pittoriche è stato eseguito nell’ambito di una collaborazione con l’Ingegnere Dr. Bartolomeo Megna del Dipartimento di Ingegneria – Università degli studi di Palermo . Qui il poster presentato all’interno della sessione “Diagnostica, ricerche e studi applicati”.

poster Sala dei Venti_IGIIC

 

 

Convegno IGIIC Matera 2019

Dal 10 al 12 ottobre la bellissima Matera 2019 – Capitale europea della cultura ospiterà il convegno IGIIC Lo Stato dell’Arte 17. Parteciperemo a questo importante appuntamento annuale con il contributo “INDAGINI DIAGNOSTICHE PROPEDEUTICHE AL RESTAURO DELLA SALA DEI VENTI DI PALAZZO DEI NORMANNI A PALERMO” (Maria Francesca Alberghina, Bartolomeo Megna, Salvatore Schiavone, Pasquale Riggio)
Qui tutti i dettagli del programma http://www.igiic.org/?p=5094

Nuovo sistema digitale diretto per Radiografie in situ

Il nostro nuovissimo sistema digitale diretto per radiografia X ci permette di eseguire indagini radiografiche di dipinti su tela o tavola,anche di grandi dimensioni,

 e di manufatti di interesse storico-artistico o archeologico  nel loro luogo di esposizione/conservazione, senza alcuna movimentazione, e di visualizzare i risultati dell’esposizione immediatamente tramite il software di gestione del rivelatore.

Grazie a questa innovativa strumentazione scientifica è possibile superare i limiti della radiografia analogica tradizionale su lastra, legati alle difficoltose procedure e ai tempi di sviluppo, o dei più recenti sistemi digitali indiretti che prevedono la lettura dell’immagini acquisita sono in un secondo momento e non direttamente in fase di studio in situ.

S.T.Art-Test sas è la prima azienda italiana a utilizzare il flat panel  AGFA DR 14e per applicazioni nel settore della diagnostica per i beni culturali. L’intera strumentazione impiegata è portatile e versatile, garantisce alte prestazioni e caratteristiche tecniche specifiche per le indagini radiografiche su opere d’arte. Investiamo il nostro tempo e  le nostre risorse per offrirvi il massimo delle informazioni riducendo al minimo l’impatto sulle vostre opere d’arte.

Nuova pubblicazione

Dal monitoraggio dei parametri ambientali alla caratterizzazione dei materiali costitutivi per restituire un quadro completo di informazioni necessarie a valutare lo stato di degrado e le più opportune strategie di conservazione dei dipinti murali della Reggia di Carditello. I risultati del progetto, coordinato dalla società Energreenup  nostra partner, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Heritage per lo special issue dedicato al ruolo dell’Archeometria nei musei. Buona lettura!

https://www.mdpi.com/2571-9408/2/3/124

Share
Share